Emergenza COVID-19 – Nota di riepilogo su adempimenti per avvio attività consentite

In riferimento all’Ordinanza Sindacale n. 70 del 30 Aprile 2020 con la quale si ordina a tutti i soggetti esercenti le attività imprenditoriali e/o commerciali (ivi incluse sia i pubblici esercizi che gli esercizi commerciali anche di somministrazione di cibi e bevande) che ad oggi e in seguito dovranno intendersi autorizzate ai sensi dei provvedimenti normativi ed amministrativi nel tempo vigenti, di trasmettere, preventivamente, al Comune di Rende, tutta la documentazione necessaria ad illustrare le misure igienico-sanitarie previste ed attuate per la gestione del rischio di diffusione del virus Covid-19, al fine di semplificare ed uniformare il procedimento, si precisa quanto segue:

la documentazione preventiva da trasmettere può essere sostituita da autodichiarazione, ai sensi del DPR 445/2000, dalla quale risulti che l’esercizio dell’attività viene svolto nel rispetto delle disposizioni di seguito elencate:

  1. DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 26 aprile 2020 

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale”.

 

2.      ORDINANZA REGIONE CALABRIA – N. 37 DEL 29 APRILE 2020

Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019. Ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica: Disposizioni relative alle attività di ristorazione e somministrazione di alimenti e bevande, attività sportive e amatoriali individuali e agli spostamenti delle persone fisiche nel territorio regionale”.

Le misure minime da adottare per le attività di asporto e di somministrazione alimenti all’ aperto sono indicate nell’Allegato 1 all’ordinanza 37/2020.

 

3.      ORDINANZA SINDACALE – N. 70 DEL 30 APRILE 2020

Emergenza Covid-19- Ulteriori misure per avvio attività consentite”.

 

4.      Protocolli condivisi per il contenimento del virus. Rinvio all’ Allegato 5 DPCM del 26 aprile 2020.

Si rammenta che dal 4 maggio e fino al 17 maggio 2020 le attività consentite, fino a diversa nuova disposizione e fatta salva la vigenza dell’ordinanza regionale n. 37 del 29 aprile 2020, sono quelle i cui codici ATECO sono indicati nell’Allegato 3 al DPCM del 10 Aprile 2020 integrati con l’Allegato 3 al DPCM del 26 aprile 2020.

In caso di controlli da parte delle autorità competenti, il dichiarante deve essere in grado di mostrare idonea documentazione a supporto di quanto dichiarato ovvero attuazione delle norme e provvedimenti sopra riportati.

                                                                                                                                                                                                                                    

                                                                                                                                                                                                                                                IL DIRIGENTE

                                                                                                                                                                                                                                    F.to Ing. Francesco AZZATO

1.156 visite

torna all'inizio del contenuto

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Scrollando o continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi