Organismo di Composizione della Crisi da Sovraindebitamento

OCC Rende

 

CHI SIAMO

Il Comune di Rende, presso la propria sede sita in Rende – Via S. Carlo Borromeo, ha istituito l’Organismo di composizione della crisi da sovra indebitamento in attuazione delle legge n. 3/2012 iscritto al n 164 dell’apposito Registro del Ministero di Grazia e Giustizia, sez. B, Dipartimento per gli Affari di Giustizia.

La competenza territoriale dell’OCC segue quella del circondario del Tribunale di Cosenza.

L’Organismo è figura centrale nelle procedure di composizione della crisi (art. 15 della legge n. 3/2012) che svolge funzione di ausilio al debitore, ai creditori ed al giudice, ruolo essenziale confermato dalla stessa giurisprudenza di legittimità, la quale ha statuito di recente che dove è presente un Organismo di Composizione della Crisinon è possibile rivolgersi al Tribunale per le istanze di accesso alla procedura di sovra indebitamento.  

Con la norma citata, il legislatore ha inteso fornire a determinate categorie, privati e società, uno strumento essenziale per il risanamento della esposizione debitoria e riduzione del debito onde consentire quindi ai medesimi, la ripresa della propria attività per riacquistare un ruolo attivo nell’economia.  

Alla procedura di sovra indebitamento possono accedere i consumatori in difficoltà, le imprese commerciali di minori dimensioni (e perciò non fallibili) e altri soggetti con esposizioni debitorie anche potenzialmente rilevanti, quali le imprese agricole, le start up, i lavoratori autonomi, gli enti no profit, liberi professionisti.  

 

 CHI E’ E COSA FA l’OCC?

L’OCC è un ente terzo, imparziale e indipendente istituito dal DM 202/2014 al solo scopo di aiutare e sostenere le persone indebitate in tutte le fasi della procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento da quella di avvio fino a quella di esecuzione del piano. In particolare l’OCC:

  1. Fornisce informazioni gratuite sul sovraindebitamento e sulla legge 3/2012;
  2. Valuta se il debitore può accedere o meno al procedimento;
  3. Riceve la domanda di avvio del procedimento da parte del debitore;
  4. Valuta quali debiti si possono stralciare ed in quanto tempo pagare i rimanenti;
  5. Predispone insieme al debitore il piano di ristrutturazione del debito;
  6. Attesta il piano e lo trasmette al giudice per l’omologa;
  7. Assiste il debitore nella fase esecutiva del piano omologato;

 Se necessiti di chiarimenti sull’applicazione della legge 3/2012 e se desideri sottoporci delle domande specifiche su alcune questioni, non esitare a contattarci e/o ad inviare una email – andando nella sezione “CONTATTI”- per fissare un appuntamento presso la nostra sede.

 

COME FUNZIONA IL PROCEDIMENTO DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI LEGGE 3/2012?

Il procedimento di composizione della crisi è la procedura che permette al debitore di pagare i debiti che riesce a pagare e di stralciare i rimanenti.

VANTAGGI: 

  • Sospensione delle procedure esecutive in essere;
  • Stralcio del debito con dilazione del residuo;
  • La presentazione del piano blocca il decorso degli interessi sui debiti chirografari;
  • Anche i crediti privilegiati potrebbero subire un consistente ridimensionamento.

 Questa procedura segue il seguente iter:

  1. Presentazione domanda. Il procedimento di composizione si avvia per mezzo di un’istanza da compilare e trasmettere alla seguente email: occrende@gmail.com
  2. Valutazione preliminare. L’OCC esamina l’istanza e valuta se il debitore possiede i requisiti per accedere al procedimento.
  3. Accettazione Preventivo. Se la valutazione è positiva, l’OCC trasmette al debitore un preventivo dei costi della procedura: comprensivo del compenso del Gestore della Crisi nominato dallo stesso Organismo.
  4. Incontro con il gestore della Crisi. Nel corso della procedura il debitore può incontrare più volte il gestore per descrivere personalmente la propria situazione e i motivi che l’hanno generata.
  5. Piano di soluzione della crisi. Il gestore dopo aver esaminato la documentazione, assiste il debitore nella scelta e nella predisposizione del piano di soluzione della crisi più idoneo.
  6. Omologa del Piano. Dopo aver ultimato il piano, il gestore ne attesta la veridicità e fattibilità e lo trasmette al giudice per l’omologa. Con l’omologa il debitore inizierà a pagare i debiti secondo le modalità e le tempistiche stabilite nel piano.

LE ULTIME COSE DA SAPERE SUL PROCEDIMENTO

Il procedimento di composizione della crisi si applica a qualunque tipologia di debiti contratti dal soggetto: chirografari, ipotecari e fiscali. Il procedimento si potrà concludere con un accordo di composizione della crisi, un piano del consumatore o con la liquidazione del patrimonio del debitore.

Accordo di composizione della crisi: ai creditori viene proposto una proposta di piano con importi e tempi definiti per saldare in tutto o in parte i debiti. L’accordo è raggiunto se sono favorevoli creditori che rappresentano almeno il 60% del debito.

Piano del consumatore: funziona come l’accordo ma non richiede il parere dei creditori ed è riservato esclusivamente a debiti derivanti da consumo/famiglia. Sono esclusi i debiti contratti per attività d’impresa.

Liquidazione del patrimonio il debitore ed il Gestore individuano i beni da vendere e destinano il ricavato al pagamento in tutto o in parte dei debiti.

 

COME AVVIARE LA PROCEDURA

 

1. SCARICA E COMPILA L’ISTANZA DI ACCESSO ALLA PROCEDURA

Avviare la procedura è semplice. ENTRA NELLA SEZIONE MODULISTICA

Se sei una persona fisica o un fideiussore scarica e compila il modulo ” Istanza consumatore“ ed il modulo “autocertificazione posizione debitoria”.

Se sei una ditta individuale o una società scarica e compila il modulo “Istanza non consumatore“ ed il modulo “autocertificazione posizione debitoria”.

Nella compilazione dell’istanza cerca di essere il più preciso possibile in modo da fornire una fotografia dettagliata della tua situazione debitoria. NON VENGONO ACCETTATE DOMANDE INCOMPLETE.

2. PAGA LE SPESE AMMINISTRATIVE DI APERTURA DELLA PROCEDURA.

Mettiti in contatto con l’Organismo prima di compilare i moduli da inviare. Se sei una persona fisica o un fideiussore, o una ditta individuale o una società le spese amministrative di avvio verranno quantificate e concordate con l’OCC di Rende determinate in relazione all’esposizione debitoria complessiva. Le spese possono essere pagate mediante bonifico bancario sugli estremi di conto corrente indicati nell’istanza da compilare.

3. INVIA ISTANZA DI ACCESSO E BONIFICO PER EMAIL

Dopo aver compilato e sottoscritto l’istanza potrai inviarla unitamente alla copia del pagamento all’indirizzo occrende@gmail.com.

Subito dopo l’invio riceverai un numero di protocollo. Il procedimento di composizione della Crisi è avviato.

 

Normativa

Modulistica

Documenti

Organi

Gestori della Crisi

Contatti

743 visite

torna all'inizio del contenuto

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Scrollando o continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi